Il Miele

Cos'è?
In pratica è nettare di fiori e piante dopo la lavorazione da parte delle api. Risale ad almeno 10.000 anni fa l'utilizzo del miele da parte dell'uomo come dolcificante e come fonte di energie immediata.

Come si presenta:
viene venduto in vasi di vetro a chiusura ermetica per impedire al miele di assorbire l'umidità ambiente. Può avere consistenza fluida o densa (parzialmente cristallizzato con particolare procedimento).

I vari tipi:
oltre al millefiori (prodotto con nettare proveniente da diverse piante) esistono molti mieli che, fabbricati con il nettare di una sola pianta, assumono un sapore e un profumo particolare, apprezzato soprattutto se consumati da soli. Per preparare i dolci, in linea di massima, va bene il millefiori anche se a volte determinati dolci tradizionali (ad esempio le seadas sarde) vengono preparati con mieli particolari, perlopiù della zona.

Fa bene?
Gli studi hanno dimostrato che si tratta tutto sommato di un alimento "povero": contiene pochi minerali, pochissime vitamine. Non ha particolari proprietà "mediche", esattamente come la pappa reale o il polline, che se fanno miracoli per le api non hanno effetti dimostrati sugli umani. Quindi il denaro speso per acquistare questi ultimi due prodotti è del tutto ingiustificato.
Il miele ha invece una leggera azione antibatterica e, essendo un alimento molto complesso, va detto che molte delle sue componenti non sono ancora state studiate.

E' dietetico?
Non proprio: l'apporto calorico è di 300 cal/etto contro 390 dello zucchero (saccarosio). Il potere dolcificante del miele è leggermente inferiore dato che contiene circa il 18% di acqua.



Indice Cucina HOME PAGE